Stampa

News

19/07/2017 - PARMA Provincia

Il Comune di Fidenza vince l’asta per l’ex Esso: "Avanti tutta per la nuova caserma dei Carabinieri”


L’Ente si è aggiudicato la struttura da 2.700 mq per 351.000 euro. La soddisfazione del Sindaco Massari: “Grande passo avanti. Servizio atteso da decenni. Abbiamo fatto il massimo, ora inizia una nuova fase”

Oggi è una giornata speciale per Fidenza: l’immobile ex Bocelli in via Gramizzi, che tutti i fidentini conoscono come lo scheletro dell’area ex Esso, è stato comprato dal Comune. Finalmente inizia il cammino per risolvere il rebus di un immobile bloccato dal 2009 e, soprattutto, proveremo a dare alla Compagnia dei Carabinieri una nuova caserma, ampia, moderna e accogliente, in grado di favorire un potenziamento dei servizi preziosissimi resi dall’Arma e realizzare una importante operazione di rigenerazione urbana”.

E’ il commento del Sindaco di Fidenza, Andrea Massari, a distanza di poche ore dall’asta che oggi si è conclusa a Parma con l’aggiudicazione da parte del Comune dell’enorme struttura a due passi dal centro, da 2.700 mq e 21 posti auto interrati.

Struttura che faceva parte della procedura fallimentare della ditta Bocelli Clodomiro S.n.c., per vendere la quale erano andati a vuoto i tentativi susseguitisi negli anni.

Il Comune si è aggiudicato l’immobile per 351.000 euro (con un ribasso rispetto alla base d’asta di circa il 25%) e il Sindaco Andrea Massari si dice “molto soddisfatto per questo risultato a condizioni davvero vantaggiose”. Si conclude così la prima fase del percorso col quale “il nostro Comune sta lavorando per avere la nuova caserma. Mettere a disposizione un immobile adeguato alle richieste ministeriali era la premessa necessaria. Da oggi in poi dovremo lavorare tutti per completare un iter senza dubbio molto impegnativo ma anche molto sfidante per la nostra Città”.

Fidenza in questi anni ha risolto situazioni enormi che erano rimaste in sospeso da tempo. L’interramento dell’elettrodotto nel quartiere Europa, la continuità delle bonifiche ambientali, il sottopasso di via Mascagni, la nuova sede della scuola Solari, l’ammodernamento di tutte le nostre strutture scolastiche, la nuova vita di spazi urbani come il complesso gravitante intorno all’ex Liceo e gli interventi radicali sulla viabilità cittadina – prosegue il Sindaco –. Tra queste sifide figura l’inadeguatezza dell’attuale caserma della Compagnia Carabinieri, posta in una palazzina ormai superata in via Trento. Una grande città come la nostra aveva bisogno di dare una risposta vera ai suoi Carabinieri e una nuova caserma significa proprio miglior qualità della vita e qualità funzionale per i militari dell’Arma che ogni giorno ci proteggono e compiono un  lavoro straordinario”.

Già all’inizio degli anni ‘90 il Consiglio comunale si era posto il problema di un nuovo spazio, destinando un’area tra via Trento e via Salvo D’Acquisto, adiacente al Parcobaleno, per la realizzazione della nuova caserma, ma il programma non ha mai trovato l’appoggio degli operatori privati nonostante la disponibilità gratuita dei terreni.

Oggi il Comune ha voltato pagina e ora l’obiettivo della nuova caserma lo possiamo condurre davvero giocando al meglio le nostre possibilità, sapendo che di fronte abbiamo ancora tanta strada da fare. Un impegno che ci prendiamo con passione perché parliamo di una conquista a favore della sicurezza di Fidenza e di un servizio che abbiamo pensato rispondendo pienamente ai dati metrici, qualitativi e dimensionali richiesti dall’Arma e dal Ministero – osserva Massari –. Messaggio che trasmetto volentieri anche a tutti gli “esperti” nostrani di sicurezza, quelli che da qualche ora discettano di aste e vorrebbero l’esercito schierato lungo il Rovacchiotto, riuscendo solo a montare sospetti e polemiche pure sul tentativo di costruzione di una nuova caserma. Restiamo con i piedi per terra e rispondiamo a questa domanda semplice: cosa rappresenta ai massimi livelli la materia della sicurezza se non il potenziamento della presenza dei Carabinieri sul nostro territorio? Il problema è dover ammettere che (anche) stavolta il Comune ha lavorato per cercare di costruire un passo avanti al servizio di tutti? Ok, lascio da parte le polemiche di pochi, mi basta parlare coi fidentini e sentire con quanto orgoglio appoggino l’obiettivo della nuova caserma”.





Commenti

Nessun commento presente

Aggiungi un commento

Codice di sicurezza:
Nome:
E-Mail:
Messaggio:

Max. 5000 caratteri.